Fab 4, 2 ruote

21 mag Feticci Rock – Speciale GIRO D’ITALIA – La Bicicletta

Siamo nella settimana conclusiva del Giro d’Italia e noi di FUBplus abbiamo deciso di condividere con tutti voi una chicca personale sul ciclismo che possa ricollegarsi ai propri interessi preferiti e tessere un filo rosso che colleghi tutto!

 

“I want to ride my bicycle, I want to ride my bike, I want to ride my bicycle, I want to ride it where I like”

Vi cito i versi di questa fantastica canzone dei Queen per dimostrarvi che – magari non sarà una Harley Davidson – ma anche la bicicletta ha un ruolo importante nell’universo rock’n’roll!

La canzone in questione, Bicycle Race, uscì sul lato A del singolo omonimo nel 1978, che come copertina aveva un bel… lato B! Il video vedeva una gara di donne nude in bicicletta, e fu ovviamente censurato, così come il sedere della ragazza usato come cover. Freddie Mercury ebbe l’ispirazione guardando il Tuor de France. Hai capito ‘sti ciclisti?

 

La cover del singolo Bicycle Race/Fat Bottomed Girls

La bicicletta da sempre unisce le generazioni: tutti ne hanno posseduta una, tutti l’hanno usata almeno una volta nella vita. Sono diventate famosissime le foto di Elvis che scorrazza in bicicletta ad Amburgo e fa autografi alle fan scatenate (che poi, io sarei stata la prima a svenire alla sua vista).

 

Elvis svolse il servizio militare in Germania

Elvis svolse il servizio militare in Germania

Il ciclista rock’n’roll per eccellenza è però David Byrne, leader dei Talking Heads: non possiede una macchina e girovaga per NYC esclusivamente su due ruote, tanto da avere anche una colonna sul New York Times con i resoconti delle sue scampagnate e vantando la pubblicazione dei suoi Bicycle Diaries.

David Byrne in giro per NYC

Insomma, rock’n’rollers, la bicicletta è il mezzo adatto per farvi un bel walk… ehm, cycle on the wild side!

The PoliceBen Harper

La stilista inglese Vivienne Westwood

La stilista inglese Vivienne Westwood

Fab 4, 2 ruote

“Quando ero un bambino, avevo un sogno: avere una bicicletta tutta mia. Quando ho avuto la mia bici, ero il bambino più felice di Liverpool, forse del mondo intero. Vivevo per quella bicicletta. La maggior parte dei bambini lasciava la bici in giardino, di notte. Io no. La tenevo dentro, e la prima notte la tenni addirittura nel letto.” (John Lennon)

John Lennon e Yoko Ono 
 


Jennifer Guerra
jennifercoursonguerra@gmail.com

"A noi ci piace un casino confondere le idee, ma ci piacerebbe anche farvi ballare, ve lo garantisco"