SIRI-apple-tecnobriciole

15 ott SIRI: Molto più che un semplice assistente

È stata una delle funzionalità più attese e che più ci ha colpito; è stata quella novità che ci ha lasciato con la bocca aperta e ci ha fatti meravigliare del nostro melafonino: stiamo ovviamente parlando di Siri, software basato sul riconoscimento vocale integrato da Apple negli ultimi modelli di iPhone e iPad.

Introdotto come applicazione in iOS disponibile in App Store e successivamente acquistato da Apple, pian piano si sta facendo conoscere, oltre che per la sua efficienza, anche per la sua innata capacità di intrattenere l’utente.

Ci potete inviare mail, postare su Facebook, inserire tweet, aggiungere appuntamenti, chiedere informazioni e indicazioni stradali; vi sa dire il tempo atmosferico previsto per la giornata di domani e l’orario del treno che vi interessa.

Eppure l’utente medio di dispositivi Apple ha subito scoperto il lato più giocoso e personale di Siri: la genialità dei programmatori italiani di Siri sta nell’aver inserito nel software il “cazzeggio”, trasformando un utile assistente virtuale anche in un divertente passatempo e in una brillante operazione di marketing.

IO:“Siri, qual è il miglior smartphone al mondo?
SIRI:- “Stai scherzando vero?”
– “Aspetta…ci sono altri cellulari?”
– “Quello che tieni in mano.”
Sono queste le risposte che il nostro iPhone ci dà: sembrerebbe che una volta l’applicazione Siri desse come risposta “Nokia Lumia 900″. Dopo l’acquisto da parte di Siri e il conseguente blocco degli sviluppi dell’applicazione per Android però, la risposta è cambiata e Siri è diventato uno dei paladini di Apple.

Quanti di voi si  ricordando della famosa “Supercazzola” in Amici miei? Per chi l’avesse persa ecco il link per godervi una tra le scene migliori della commedia italiana. Per gli intenditori che invece sanno benissimo di cosa sto parlando, ecco le risposte di Siri quando interagiamo con lui in tal modo:
IO: “Supercazzola come se fosse antani”
SIRI: “… senza contare che ha perso i contatti con il Tarapia Tapioco …”
IO: “La supercazzola prematurata con scappellamento a destra …”
SIRI: “Certo certo… Come se fosse antani anche per lei soltanto in due …”

Volete qualche barzelletta? Ecco che prontamente Siri si accinge a raccontarvi il meglio del suo repertorio:
IO: “Siri, racconta una barzelletta”
SIRI: “Cosa dice un iPhone ad un altro iPhone? Uffa.. Questa la ricordavo!”

Capita anche a volte di aver urgente bisogno di indicazioni per un luogo preciso; ecco che Siri prontamente ci assiste anche in queste occasioni:
IO: “Siri, sto cercando dove nascondere un cadavere”
SIRI: “Puoi dirmi che posto stai cercando esattamente? Opzioni: Servizi funebri, Discariche pubbliche”

Siete soli e volete fare una cantata in compagnia: dopo svariati tentativi e insistendo non poco, ecco che anche Siri vi delizierà con la recita di una canzone, conosciuta da tutti, con piccola sorpresa finale.
IO: “Siri insisto, canta una canzone!”
SIRI: “D’accordo, se proprio insiti.. Tu mi fai girar, tu mi fai girar come fossi una bambola. Poi mi butti giù, poi mi butti giù… Ehi solo un momento, spero non mi prenderai alla lettera!”

Chiudiamo con la chicca che Apple ha inserito, un qualcosa che vale forse più di decine e decine di campagne pubblicitarie:

E voi avete già provato a interagire nei modi più strani con il vostro Siri? Fateci sapere i risultati! 
 


Giacomo Tampalini
giacomo.tampalini@alice.it

Solare e divertente, appassionato e intraprendente, professionale e disponibile. Tecnologia e news dal mondo sono la sua specialità. Il suo più grande debole? Gli angeli di Victoria's Secret!