jpg_john_browett_scott_forstall

01 nov Rivoluzione Apple: via Scott Forstall e John Browett

Proprio quando Apple sta vivendo uno dei suoi momenti migliori (l’iPhone 5 è un successo e il mini iPad sta per arrivare), ecco che arriva il colpo di scena: l’azienda californiana ha difatti dato il benservito a 2 dei suoi migliori collaboratori.

Parla chiaro il comunicato ufficiale:

“CUPERTINO, California-29 ottobre 2012-Apple® ha annunciato oggi i cambiamenti dirigenziali in grado di favorire la collaborazione ancora più ravvicinata tra hardware, software e servizi offerti dal nostro team. Come parte di questi cambiamenti, Jony Ive, Bob Mansfield, Eddy Cue e Craig Federighi avranno maggiori responsabilità nei loro ruoli. Apple ha inoltre annunciato che Scott Forstall lascerà l’azienda il prossimo anno e, nel frattempo, sarà consulente del CEO Tim Cook.
“Siamo in uno dei periodi più prolifici di innovazione e nuovi prodotti nella storia di Apple” ha affermato Tim Cook, CEO di Apple. “I prodotti incredibili che abbiamo introdotto nel mese di Settembre e Ottobre, iPhone 5, iOS 6, mini iPad, iPad, iMac, MacBook Pro, iPod touch, iPod nano e molte delle nostre applicazioni, sono il risultato della nostra continua  attenzione verso la stretta integrazione di classe mondiale tra hardware, software e servizi ”
Jon Ive prenderà la guida e la direzione della Human Interface (HI) in tutta l’azienda, oltre al suo ruolo di leader del reparto di Disegno Industriale. Il suo incredibile gusto estetico è stato la forza trainante del look and feel dei prodotti Apple per più di un decennio.
Eddy Cue assumerà la responsabilità aggiuntiva di Siri ® e mappe, in modo da integrare tutti i nostri servizi on-line in un unico gruppo. Il suo team ha supervisionato successi importanti come l’iTunes Store ®, l’App Store ℠, il ℠ iBookstore e iCloud ®. Questo team ha una serie di risultati a suo favore e rafforzerà i servizi online di Apple per soddisfare e superare le aspettative dei nostri clienti.
Craig Federighi guiderà i team iOS e OS X. Apple ha sviluppato i più avanzati sistemi operativi mobile e desktop, e questa mossa unisce i due team per rendere ancora più semplice fornire la migliore tecnologia e le migliori innovazioni per l’esperienza utente in entrambe le piattaforme
Bob Mansfield guiderà un nuovo gruppo di lavoro, Technologies, che combina tutti i team wireless di Apple in un’unica squadra, promuovendo così l’innovazione in questo settore ad un livello ancora più alto. Di questo team faranno parte anche gli ingegneri responsabili dei semiconduttori, di cui abbiamo piani ambizioni per il futuro.
Inoltre, John Browett lascia Apple. La ricerca di un nuovo capo per il reparto retail è in corso e nel frattempo, il team sarà guidato direttamente da Tim Cook. L’organizzazione retail di Apple ha una rete incredibilmente forte, coadiuvata da forti leader regionali che continueranno l’ottimo lavoro svolto negli ultimi 10 anni, per rivoluzionare i punti vendita al dettaglio con servizi esclusivi ed innovativi per i clienti.
Apple progetta i Mac, i migliori personal computer al mondo, insieme a OS X, il software iLife, iWork e professionale. Apple sta guidando la rivoluzione della musica digitale con i suoi iPod e iTunes Store online. Apple ha reinventato la telefonia mobile con il suo rivoluzionario iPhone e App Store, e sta definendo il futuro dei mobile media e dispositivi informatici con iPad.”

Sembrano siano stati determinanti ai fini del licenziamento due errori personali dei manager: Scott Forstall, nonostante una versione finale di Siri e di Mappe piene di errori e più simile a una beta, sembra si sia rifiutato di firmare una lettera di scuse indirizzata ai clienti; a molti dirigenti questo comportamento non è proprio andato giù. Come si legge dal comunicato, il licenziamento non sarà immediato, ma Forstall resterà ancora un anno in Apple come consulente di Tim Cook.

Chi invece si è preso un benservito immediato è John Browet, orami ex-capo del reparto retail: fatale sarebbe stata la sua decisione di tagliare le ore di lavoro del personale degli Apple store e ridurre le ore di lavoro; decisione che tra l’altro era stata subito revocata dalla stessa Apple.

Al comunicato ufficiale è seguita immediatamente una mail di Tim Cook indirizzata a tutto il personale:

“Unitevi insieme a me nel congratularvi con i nuovi dirigenti. Vorrei ringraziare tutti per aver lavorato così duramente per Apple, facendo in modo che l’azienda creasse i migliori prodotti al mondo e deliziasse i propri clienti. Continuo a credere che Apple ha le persone più dotate e innovative del pianeta, e mi sento privilegiato e ispirato nel poter lavorare con tutti voi.”

Strategia aziendale che non è nuova (anche Steve Jobs fece lo stesso in passato) ma che sicuramente avrà il suo rovescio della medaglia: Apple ne risentirà in negativo oppure i nuovi dirigenti sapranno fare ancora meglio?

  
 


Giacomo Tampalini
giacomo.tampalini@alice.it

Solare e divertente, appassionato e intraprendente, professionale e disponibile. Tecnologia e news dal mondo sono la sua specialità. Il suo più grande debole? Gli angeli di Victoria's Secret!