005201-5

28 apr BMW eSETTA: electric concept car

Sono passati quasi 70 anni da quando Enzo Rivolta ebbe una tra le prime idee di city car: era la prima Isetta (italiana al 100%, poiché prodotta dalla ISO), poi concessa in produzione alla BMW su licenza della stessa casa italiana.

Auto rivoluzionaria già allora, con l’apertura frontale dell’unica portiera, ruote posteriori veramente molto vicine e consumi da far invidia alle moderne eco-car (3l/100km).

E proprio mentre si sta aprendo il mercato per le nuove auto ibride o completamente elettrice, iniziano a susseguirsi le voci e i concept per un eventuale ritorno di quest’auto, in versione totalmente elettrica.

Vogliamo presentarvi il concept di Tony Weichselbraun, un neo-laureato dell’Università di Arti Applicate di Vienna, che realizzato la eSetta design study. Stessa forma compatta e ampio spazio interno: i due passeggeri all’interno trovano uno spazio agevole per loro stessi e per i relativi bagagli; le manovre però restano molto agevoli date le piccole dimensioni esterne. Cambia invece rispetto al progetto originale l’ingresso all’auto: non è più presente il portellone unico frontale, ma vengono montate 2 portiere laterali ad apertura verticale grazie a un sofisticato sistema di rotazione.

Innovazione più importante sarà il motore totalmente elettrico, che le permetterà di inserirsi prepotentemente sul mercato come concorrente della prossima Renault Twizy o della già affermata Smart ForTwo.

Basta parole e spazio ora alle immagini, con la bellissima gallery della nuova eSetta!

 
 

Giacomo Tampalini
giacomo.tampalini@alice.it

Solare e divertente, appassionato e intraprendente, professionale e disponibile. Tecnologia e news dal mondo sono la sua specialità. Il suo più grande debole? Gli angeli di Victoria's Secret!