13920_10200379703722435_893924641_n

22 mar Simone Pievani | fotovaghi.it

 

Come ogni mese vi proponiamo un’intervista, questo mese è un fotografo, autodidatta, amministratore di fotovaghi.it  Simone Pievani.

861494_10200357763493943_1237674327_oCiao Simone, iniziamo con una domanda lampo, da cosa è nata la tua passione?

Avevo 16 anni quando i primi social network apparsero nel panorama web e con essi la possibilità di esporre le proprie fotografie a migliaia di persone, il vero salto in avanti offerto da internet. E cosi iniziai a coltivare l’hobby della fotografia, per lo più auto ritratti; scoprii pian piano una passione che mi porto a fotografare paesaggi, luoghi o situazioni con la mia fotocamera compatta. Quello che ora può sembrare un occupazione normale, ovvero la fotografia e la modifica attraverso Photoshop delle immagini, in quegli anni era ancora un mondo estraneo per molti, ed una semplice foto di un tramonto con elevati contrasti appariva già come una foto d’autore. Passai presto alla fotocamera59680_4539275807210_608608393_nreflex, dove il salto di qualità risultò elevato, e con l’ausilio di Photoshop (programma conosciuto solo agli addetti ai lavori) iniziai a mostrare le mie prime fotografie particolari. Credo che il discreto successo ottenuto dalle mie foto sia stato dovuto proprio alla precocità di certe tecniche e modifiche fotografiche, tra cui gli ormai banali sdoppiamenti di persona e colorazione di soli dettagli su foto in bianco e nero per citarne due.

 

Che studi stai frequentando? Ti sono utili?

13920_10200379703722435_893924641_n

Ho studiato come geometra, il disegno tecnico infatti mi è sempre piaciuto.

Probabilmente avrei fatto una scuola grafica se avessi scoperto prima questo mia passione ma ero già al terzo anno inoltrato e quindi ho continuato; la fotografia e l’utilizzo di Photoshop li ho studiati interamente da autodidatta e la cosa che mi ha aiutato molto è la pratica. Ora lavoro come arredatore part-time e ciò mi da molto tempo libero da dedicare alla mia passione per le foto, di recente inoltre ho aperto un sito internet che mostra i luoghi più belli dove fotografare: il tempo che gli dedico è molto ma quando una cosa si fa con passione è sempre tempo ben speso.

cinemagraph-3La foto più strana che hai fatto?

Il mio pallino in campo di fotografia è scattare foto originali, se parliamo quindi di foto modificate con Photoshop ne ho di innumerevoli “strane” : da quelle in cui appaio 3 volte nella stessa foto, a quelle più grafiche che altro…  se parliamo invece di fotografia pura, senza ausilio di programmi di modifica, ho raggiunto la mia massima soddisfazione in determinate foto, dove il semplice “pensiero laterale” mi ha portato con banali espedienti ad avere risultati inspiegabili; tra di queste i lanci di carte, le case che appaiono storte, scie di luce lungo le strade, levitazione da terra, ecc… insomma due mondi contrapposti, quello di grafica e quello della fotografia.
Voglio ricordare anche una tecnica fotografica da me elaborata che consente alle fotografie di muoversi, esse si chiamano Cinemagraphs, e sono uno straordinario sguardo al futuro, ne sono convinto. Per capire cosa intendo potete visionare alcune realizzate da me all’indirizzo: –LINK-

Cliccate sulla foto che vi piace, attendete un secondo che il browser carichi la gif (in questo passaggio vedrete l’immagine muoversi a scatti) e subito dopo potrete capire di cosa parlo.

cinemagraph-5

432126_4216695942915_735130986_n (1)

Non posso che rimanere stupito difronte alla maestria con cui usi la tua  Nikon d7000, quindi secondo te per imparare è meglio fare corsi o imparare da autodidatta?

Io personalmente ho avuto a disposizione anni per imparare da autodidatta le tecniche fotografiche e ci ho messo grande impegno ed interesse nell’apprendere.  I corsi vi danno la stessa sapienza di anni in poche settimane, vi danno probabilmente anche un pizzico di talento assicurato, ma credo che per quanto riguardi la passione non possano regalarvela. Quindi si, i corsi sono molto utili perché consentono di apprendere le tecniche di scatto e le funzioni della macchina fotografica in breve tempo; per quanto riguarda i costi li trovi un pò alti in quanto non si tratta di una scienza per pochi, infatti son sicuro che trovereste facilmente un vostro amico che la pratica da tempo e sarebbe lieto di insegnarvi almeno le parti salienti del mestiere.
Il mio consiglio quindi è di frequentare il corso solo in due circostanze: se volete apprendere tutte le tecniche di fotografia in breve tempo, indipendentemente se siate appassionati o meno, oppure se volete approfondire e consolidare la vostra tecnica, già maturata da tempo.171946_513753958635186_2091904823_o

Non li trovo utili quindi per imparare le basi della fotografia, sperando magari di diventare popolari con qualche scattuccio.

Ora parliamo del tuo blog, Fotovaghi.it è un’ottima idea, ci piace molto la sviluppi da solo? Chi ti aiuta?

Il sito è solo agli inizi ma sono già molto soddisfatto del lavoro, è quanto sperassi di ottenere. Non l’ho realizzato prima perché non sono mai stato capace di programmare siti web, e solo la mia recente amicizia con il mio collega di lavoro, Davide Bruno, mi ha permesso di rendere possibile il progetto. Ora sarà solo grazie all’aiuto di tutti i fotografi che ci consentirà di portare avanti la mia idea, ed arricchire la mappa dei luoghi dove fotografare condividendo tutti i propri luoghi. Il sito vuol essere una fedele guida per chi pratica la fotografia che spesso non ha idea dell’esistenza di posti cosi meravigliosi ad un palmo dal proprio naso.

Parliamo di numeri, quanti utenti sono attivi?

Per ora la pagina web conta 380 sostenitori, molti dei quali ci hanno già segnalato i propri posti e proprio in questi giorni stanno stendendo i loro

530398_537709042906344_2033564163_narticoli dopo le nostre indicazioni. Il sito ha in media un centinaio di visite al giorno e siamo molto soddisfatti; ogni tanto abbiamo qualche picco a causa della pubblicazione del sito su blog di fotografia o altro, siamo inoltre in

contatto con il redattore dell’Eco di Bergamo.it che ci ha già gentilmente concesso un articolo sul sito ufficiale (ecco l’articolo –LINK-)! E ci saranno probabilmente collaborazioni future.

Secondo noi il contatto tramite mobile è molto importante, tu dato che ormai il mondo della fotografia si sta spostando sul cellulare hai in mente di creare un app?

L’idea è molto interessante. Ci abbiamo pensato ma riteniamo opportuno per ora estendere solamente il raggio d’azione del sito, portandolo a conoscenza di più persone possibile. Sarebbe comunque molto bello creare un applicazione che consenta, magari, di scattare una fotografia in un luogo in cui ci si trova, allegargli una piccola descrizione e inviarla in diretta alla nostra redazione. Ci daremo sicuramente da fare…

Vi piacciono le sue foto? Non basta che seguirlo tramite Flickr!

Cattura

  
 


Andrea Pavoni
andpavoni@gmail.com

E' il lato tech del FUBplus. Appassionato fino al midollo di informatica e tecnologia. Gran lavoratore, disponibile, paziente e amico fidato. Con un computer sarebbe in grado di conquistare il mondo!